Cura Depressione Desio - Psicologo Desio Dr.ssa Giovanna Carnazza
14922
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-14922,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-13.1.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Cura Depressione Desio

Cura Depressione Desio

Il male oscuro, la depressione: come si manifesta e come si cura.

La depressione è una malattia democratica: colpisce tutti.

Indro Montanelli

Cura Depressione Desio. La depressione dilaga

Nel corso della giornata mondiale della salute 2017, destinata al tema della depressione è emerso che in Europa vi sono 40 milioni di malati di depressione e solo un terzo decide di affrontare una cura efficace. Ancora molti pregiudizi intralciano pesantemente la decisione di accedere alla cura.
Anche presso il mio  Centro Cura Depressione Desio, tra coloro che accedono alla cura, molti hanno difficoltà a mantenerla con costanza correndo il rischio di cronicizzazione.

 

Cura Depressione Desio. Che cosa non è la depressione

La tristezza la sperimentiamo come uno stato d’animo passeggero; a tutti è capitato di sperimentare momenti di tristezza e di malinconia o di attraversare un momento difficile con conseguente umore flesso.  Presso il Centro Cura Depressione Desio  questo non viene considerato sufficiente per porre diagno di “depressione”, poiché  le capacità della persona non sono realmente compromesse. Le prestazioni lavorative non subiscono un calo, la nostra vita relazionale (coniugi, fidanzati, figli, parenti, amici) non è minacciata e dall’esterno non ci arrivano continue e ripetute lamentele.

 

Nel corso della giornata mondiale della salute 2017, destinata al tema della depressione è emerso che in Europa vi sono 40 milioni di malati di depressione e solo un terzo decide di affrontare una cura efficace. Ancora molti pregiudizi intralciano pesantemente la decisione di accedere alla cura.
Anche nel nostro centro Cura Depressione Desio, tra coloro che accedono alla cura, molti hanno difficoltà a mantenerla con costanza correndo il rischio di cronicizzazione.

Cura Depressione Desio. Perché è difficile riconoscere rapidamente la depressione

La depressione non si presenta mai con un solo sintomo, chiaro e inequivocabile ma come un insieme di sintomi che a prima vista non sono evidenti e comprensibili. È ormai accertato che la depressione ha origini intricate e multifattoriali.
Definire e, soprattutto, riconoscere la depressione, per consentirsi di accedere alla cura, non sempre è facile come sembra;  la depressione può assumere forme subdole, può trarci in inganno ed indurci a scambiarla per tutt’altro: un temporaneo momento di stress, un dolore fisico persistente senza una causa apparente, un calo di memoria…

 

Cura Depressione Desio. Quali sono i principali sintomi che si associano alla depressione?

Innanzitutto dobbiamo considerare che non basta che un solo sintomo sia presente ma va considerata la situazione personale del soggetto ed è sempre necessario che siano presenti cinque o più sintomi contemporaneamente. Questo è uno dei motivi che rendono difficile il riconoscimento.

Secondo il DSM-V (Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali), adottato come criterio diagnostico anche presso il mio Centro Cura Depressione Desio, almeno cinque o più sintomi devono essere presenti perchè sia possibile fare una diagnosi di depressione:

 

  1.  Il primo indicatore è un umore depresso, cupo, ci si sente scoraggiati, angosciati, facili al pianto, specie la mattina, al risveglio, tutto appare in una luce plumbea senza riuscire ad immaginare un cambiamento favorevole. Affrontare la giornata diventa faticoso, uscire di casa per recarsi al lavoro, guidare, cucinare, e progressivamnerte assistiamo ad una perdita d’interesse e di piacere anche per i compiti più elementari. Anche il calo del desiderio sessuale può essere un segnale presente.
  2. Vi è una predita di peso evidente, il rapporto con il cibo è disturbato, calo evidente dell’appetito o a volte può verificarsi anche il contrario e si può mangiare in eccesso anche senza avvertire lo stimolo della fame.
  3. Un altro segnale, quasi sempre presente, riguarda i disturbi del sonno che possono apparire in molte tipologie di insonnia come un risveglio precoce intorno alle 2 o 3 di notte, generalmente accompagnati da pensieri negativi, (depressione) una difficoltà di addormentamento, risvegli frequenti (ansia). Anche l’ipersonnia può essere un segnale, ovvero sonni notturni eccessivamente lunghi e costante sonnolenza durante la giornata.
  4. Si avverte un particolarmente rallentamento o, più raramente uno stato di agitazione fisica e mentale e accade che anche gli altri, le persone che ci stanno vicine notino questa nostra condizione.Ogni giorno, per l’intera durata della giornata, a cominciare dal mattino al risveglio, c’è uno stato di affaticamento e un senso di stanchezza e la sensazione di non avere energie anche se non si sono svolti compiti particolarmente pesanti.
  5. Il senso di colpa e l’autosvalutazione sono molto spesso presenti. Ci si sente in colpa nei confronti dei famigliari o del proprio ambito di lavoro, o degli amici. Il senso di colpa deriva da un sentimento di inadeguatezza, non ci si sente “all’altezza” di quelle che si ritengono le aspettative degli altri e si pensa, erroneamente, che basterebbe un “po’ di volontà”.
  6. Anche una diminuzione dell’attenzione è un elemento connesso alla depressione, diventa difficile restare concentrati nei compiti che dobbiamo svolgere, a volte le performance diminuiscono e vi sono importanti cali di memoria, dovuti ala riduzione dell’attenzione, ma che possono spaventare e preoccupare molto. Si assiste ad una difficoltà a prendere decisioni; tutti sintomi a cui è importante prestare massima attenzione, possono essere significativi segnali anticipatori
  7. Possono essere presenti frequenti pensieri di morte o piani suicidari.

Cura Depressione Desio. Vivere con una persona depressa, come intervenire per dare aiuto?

Anche sulla base delle osservazioni condotte presso il Centro Cura Depressione Desio è emerso che i famigliari delle persone affette da depressione incontrano molte difficoltà nel prestare aiuto e molto spesso non sappiano che fare; è molto importante non cadere nei più comuni errori nei confronti delle persone depresse:

Pensare che sia sufficiente uno sforzo di volontà, che la staticità, l’immobilismo e la passività dipenda esclusivamente da un scarso impegno. La persona depressa è oggettivamente in difficoltà e si trova a combattere con una condizione patologica che gli sottrae energie. NON è una questione di mancanza di volontà o di pigrizia.

Accusare chi soffre di depressione di causare sofferenza e disagio in chi gli sta accanto. Ciò non serve e ottiene soltanto il risultato di aumentare i sensi di colpa e di autosvalutazione già abbondantemente presenti nello stato depressivo

 

Cura Depressione Desio. Gli psicofarmaci danno dipendenza? Falso.

Gli psicofarmaci in alcune situazioni particolarmente “ferme” dove la depressione interferisce gravemente nello svolgimento delle attività quotidiane quali lavoro, vita famigliare, possono essere di grande aiuto; è sempre importante però associare un lavoro psicologico che aiuti ad individuare le cause.

 

Cura Depressione Desio. Come si cura la depressione?

La depressione si può curare e più precoce è l’intervento maggiori e più brevi sono le possibilità di remissione. A seconda della situazione personale è corretto intervenire con una specifica cura che va stabilita caso per caso. Attualmente le linee guida seguite dal centro Cura Depressione Desio ci suggeriscono una cura che abbini la terapia farmacologica, quando lo si ritiene necessario, a un intervento psicologico che a seconda delle situazioni può essere caratterizzato da una psicoterapia o di tipo supportive o ad orientamento psicodinamico, che si ponga l’obiettivo di ricercare le cause della sofferenza. Buoni risultati si sono rilevati con una combinazione con la terapia EMDR.

Ritieni che la depressione sia un tuo problema? Contattami liberamente
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail