Cura Attacchi di Panico Desio - Psicologo Desio Giovanna Carnazza
14933
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-14933,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-13.1.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Cura Attacchi di Panico Desio

Cura Attacchi di Panico Desio

Centro per la Cura Attacchi di Panico Desio.

Studio di Psicoterapia Dr.ssa Giovanna Carnazza. Desio – Milano

Cura Attacchi di Panico Desio. Breve storia del termine “panico”

Molti sanno che il termine panico deriva dalla parola greca πανικόν (panicon), a sua volta derivato dalla divinità Olimpica Pan, dio metà uomo e metà caprone, tanto brutto e repellente che fu relegato a vivere in Arcadia nelle campagne e nei boschi dove pascolava le pecore e allevava le api. Pan adorava il riposo pomeridiano ed il mito narra che si vendicava di chi veniva a disturbarlo lanciando improvvisamente dal fondo di una grotta o dal folto di un bosco urla terrificanti che atterrivano i viandanti.

 

Cura Attacchi di Panico Desio. Come si manifesta l’attacco di panico

I pazienti in cura presso il Centro Cura Attacchi di Panico Desio sostengono che l’attacco di panico genera profonda angoscia, compare all’improvviso senza apparenti motivazioni, è un’esperienza sconvolgente a cui non si può opporre resistenza, un urlo interiore che atterrisce. Arriva violento e ha come effetto principale quello di terrorizzare chi ne è colpito. La convinzione in questi casi è quella di stare per morire o di impazzire e perdere il controllo.

L’attacco di panico è di relativa breve durata, 10-15 minuti al massimo, ma a ogni paziente in cura presso il centro Cura Attacchi di Panico Desio che ne è coinvolto paiono un’eternità.

Quasi sempre dopo un attacco di panico ci si reca al Pronto Soccorso e dopo gli esami di routine la diagnosi non rileva disturbi organici specifici.
Una delle difficoltà maggiori è proprio accettare che l’attacco di panico non abbia origini organiche, ciò è molto difficile anche perché i sintomi “mimano” alla perfezione, ad esempio, tutte le condizioni che precedono un attacco cardiaco vero e proprio.

L’attacco di panico non è una semplice angoscia ma è qualcosa che coinvolge le strutture cerebrali, che a loro volta mandano stimoli ormonali quali alterazione del ritmo della respirazione, tachicardia.
Nascono dall’autosuggestione ma rafforzano le fantasie rispetto alla propria morte.

Non è una patologia immediatamente riconoscibile, la tendenza è spesso quella di negare, di minimizzare, altre persone sono molto spaventate e pensano di avere problemi fisici, o addirittura problemi ancora più gravi; il rischio è di scambiare il problema per un altro.

Il primo passo, che i nostri pazienti in cura presso il Centro Cura Attacchi di Panico Desio cercano di compiere, sarà dunque accettare che l’attacco di panico è una conseguenza di un disturbo d’ansia; a volte ci possono essere situazioni specifiche che lo scatenano, come le circostanze in cui siamo o ci sentiamo giudicati, esami, colloqui di lavoro, ma anche tutte le situazioni sociali dove è sempre più importante dare un’immagine di sé che sia sempre al top.
Molte volte però non si vede una causa scatenante, il suo arrivo è misterioso.

L’attacco di panico è di relativa breve durata, 10-15 minuti al massimo, ma ad ogni paziente in cura presso il centro Attacchi di Panico Desio che ne è coinvolto paiono un’eternità.

Cura Attacchi di Panico Desio. Come si reagisce all’attacco di panico

Tutti i pazienti che giungono in cura presso il Centro Cura Attacchi di Panico Desio riferiscono che dopo il primo o più attacchi di panico si sviluppa la paura di affrontare tutte le situazioni che potenzialmente potrebbero scatenarlo. Si tenderà dunque ad evitare di frequentare luoghi e contesti in qualche modo associati alla possibilità di provocare un attacco di panico.

Ma se questo atteggiamento diviene un’abitudine non servirà ad altro che a confermare che non sono in grado di affrontare le circostanze in questione, e di conseguenza abbasserà notevolmente la fiducia nelle proprie risorse, colpendo duramente l’autostima e generando forti sensi di colpa.

Chiedere costantemente aiuto e rassicurazione ad altri potrà diventare un’inconsapevole conferma della propria incapacità.

Cura Attacchi di Panico Desio. Come si interviene e si cura l’attacco di panico?

Partiamo dal presupposto che le esperienze emotive ci danno la possibilità di crescere, dobbiamo considerare gli attacchi di panico come un segnale forte, un messaggio fondamentale che ci arriva e che ci da la possibilità di capire che cosa davvero c’è che non va, che cosa ci disturba profondamente. È qualcosa di più forte di noi nei confronti del quale non siamo in grado di reagire.

Un esempio di disagio molto diffuso che abbiamo potuto osservare nel nostro centro Attacchi di Panico Desio: oggi c’è un forte bisogno di apparire, siamo sommersi da immagini irraggiungibili, le nostre prestazioni ci possono sembrare inadeguate, l’ansia da prestazione ci corrode.
Inoltre vi sono altri due fattori riconosciuti che aumento l’incidenza degli attacchi di panico: lo stress a cui costantemente siamo sottoposti e il crescente uso di sostanze.

È importante non vergognarsi e accedere ad una cura. Riconoscere che è un problema profondo e complesso ci aiuta a scegliere il trattamento adeguato.

A volte può essere necessario il ricorso ad una terapia farmacologica ma è ormai accertato che il trattamento indicato come elettivo è quello integrato, ovvero farmacoterapia e psicoterapia.

Attraverso la psicoterapia potremo rispondere ad alcune domande fino ad oggi rimaste oscure: quale significato hanno gli attacchi di panico nella mia vita? se è vero che sono un segnale, che cosa mi stanno dicendo? Che cosa c’è nello specifico che io non vedo in questo moment e mi ha colpito? E come posso affrontare tutto ciò?

È certamente possibile risolvere gli attacchi di panico ma è importante non essere troppo impazienti, è necessario trovare dentro di sé una disponibilità a “far luce” su quegli aspetti che minano la nostra serenità e ci impediscono di avere una vita libera da inquietudini e paura.

La paura che non ha nome diventa “timor panico” ma la paura guardata in faccia e svelata si trasforma in forza.

 

 

Ritieni che gli attacchi di panico siano un tuo problema? Contattami
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail